Il Piccolo principe… Il film

Il Piccolo grande principe

Piccolo principe

Chi è che nel corso degli anni, non ha sentito parlare di questo piccolo libriccino che poi tanto piccolo non è… anzi… Le Petit Prince è l’opera più famosa di Antoine de Saint-Exupéry, pubblicato il 6 aprile 1943 (in piena seconda guerra mondiale) prima in inglese e poi nella sua lingua originale… Ciascun capitolo del libro racconta gli incontri che il piccolo principe fa in questo viaggio, con diversi personaggi, ognuno di essi rappresenta uno stereotipo della società moderna e contemporanea, affrontando al suo interno temi come il senso della vita e il significato dell’amore e dell’amicizia.

 3

Trama

Un pilota di aerei, precipitato nel deserto del Sahara, incontra un bambino che gli chiede “Mi disegni una pecora?”. Stupito, il pilota non capisce il perché di queste richieste strane del bambino. Poco per volta, dice di essere il principe di un lontano asteroide, sul quale abita solo lui, tre vulcani di cui uno inattivo e una piccola rosa, molto vanitosa, che lui cura e ama. Il piccolo principe racconta che, nel viaggiare per lo spazio, ha conosciuto diversi personaggi strani, che gli hanno insegnato molte cose. La cura per la sua rosa l’ha fatto soffrire molto, perché spesso si è mostrata scorbutica. Ora che è lontano, il piccolo principe scopre piano piano che le ha voluto bene, e che anche lei gliene voleva. Purtroppo però non si capivano. Il piccolo principe, proveniente dall’asteroide B612, aveva bisogno di una pecora per farle divorare gli arbusti di baobab prima che crescessero e soffocassero il suo pianeta. Lungo questo suo viaggio incontra diverse persone, ognuna con una sua particolarità… Ad un anno di distanza dal suo arrivo sulla Terra, il piccolo principe aveva chiesto al serpente, che durante il loro primo incontro gli aveva confidato di avere la capacità di portare chiunque molto lontano, di riportarlo a casa, sul suo piccolo pianeta. Il piccolo principe, consapevole di aver “addomesticato” il pilota, come lui stesso dice, sa di dargli un dispiacere e allora lo invita a guardare il cielo e a ricordarsi di lui ogni qual volta osserva le stelle, che per lui avrebbero riso, sapendo che una di quelle era il pianeta del piccolo principe. Detto questo il serpente lo morde alla caviglia e il piccolo principe cade esanime sulla sabbia. L’indomani il pilota vede che il corpo del bambino è sparito; così immagina che il piccolo principe sia riuscito a raggiungere il suo pianeta e a prendersi cura della sua amata rosa.

Piccolo principe

Dopo aver toccato il cuore di milioni di persone, grandi e piccini, ora approda al cinema…

In un mondo squadrato, dalle strade alle case, dove tutti sono impegnati con regole e una vita scandita da obiettivi, una ragazzina accompagnata dalla rigidissima mamma studia durante le vacanze per essere ammessa in un prestigioso college. Tutto è organizzato: a che ora deve alzarsi, lavarsi i denti, fare colazione, studiare. In camera ha un ‘piano di vita’ minuziosissimo che prevede persino i regali che avrà per i futuri compleanni. Ma c’è una casa vicino alla sua, l’unica in stile antico, tutta un po’ scrostata, piena di piante e fiori e vita. Ci abita un anziano con la barba bianca vestito da aviatore tutto indaffarato a riparare un aeroplano. Un giorno sulla scrivania ordinatissima della ragazza che fa i compiti con una scrittura precisa e senza mai un errore arriva un aeroplanino di carta colorata, l’unico colore in una stanza grigia: dentro c’è l’inizio della storia del piccolo principe che ad un aviatore precipitato nel deserto fa una strana domanda: ‘mi disegni una pecora?’. Da lì parte un mondo di avventure verso pianeti e asteroidi, volpi inseparabili e rose vanitose che coloreranno la sua infanzia e le insegneranno infine che è la relazione con gli altri la cosa più importante e che solo con le cose che toccano il cuore puoi vedere bene.

Di seguito il trailer del film…

Vi ricordo le citazioni del libro le potrete trovare QUI

Buona visione e Buon Fine Anno