Ricordo di Elsa Morante a 30 anni dalla sua scomparsa

“Alla Favola Di te, Finzione, mi cingo fatua veste. Ti lavoro con l’auree piume che vestí prima d’esser fuoco la mia grande stagione defunta per mutarmi in fenice lucente! L’ago è rovente, la tela è fumo. Consunta fra i suoi cerchi d’oro giace la vanesia mano pur se al gioco di m’ama non m’ama la Read More …